Evita le truffe

Evitare truffe fotovoltaico

COME EVITARE LE TRUFFE

Nell’ordinamento giuridico italiano la truffa è un reato previsto dall’art. 640 del codice penale. La truffa è definita come attività ingannatoria, capace di indurre la parte offesa in errore attraverso artifici e raggiri per indurla a effettuare atti di disposizione patrimoniale che la danneggiano e favoriscono il truffatore o altri soggetti, procurando per questi ultimi un profitto corrispondente al danno inferto alla vittima.

La truffa può avvenire in tutti i campi commerciali ufficiali o meno e quindi anche nell’acquisto di un impianto fotovoltaico.

INFORMARSI: Innanzi tutto è bene informarsi sulla Società che si presenta per vendere l’impianto fotovoltaico, cercando di capire se è un’azienda italiana. Inoltre, nel caso in cui la “casa madre” (fabbrica pannelli fotovoltaici) della Società Italiana sia straniera, è meglio se ha una sede in Italia. La sede in Italia consente di raggiungere con maggiore facilità l’azienda (casa madre) interessata nel caso in cui dovessero insorgere necessità urgenti di contatti. Nella ricerca di informazioni sulla Società, sappiamo che la “rete” può essere un alleato formidabile.

NON FIRMARE DOCUMENTI PRIMA DEL CONTRATTO/ORDINATIVO: L’iter di vendita di un impianto fotovoltaico di norma prevede: il contatto iniziale, l’invio dell’offerta indicativa o standard , il sopralluogo, l’offerta definitiva, l’incontro per la firma del contratto. Durante queste fasi si possono avere anche fasi intermedie necessarie per spiegazioni più accurate che il cliente può ovviamente a suo giudizio sempre chiedere. La cosa importante è di non firmare documenti nelle fasi intermedie ma soltanto alla fine del processo, quando è stata effettuata la visita in luogo da parte dell’installatore, tutto è chiaro ed il contratto/ordinativo riassume in chiaro i contenuti dell’offerta definitiva che è stata già prima ampiamente illustrata e compresa in ogni sua parte dal Cliente. Attenzione alle firme chieste prima.Le richieste potrebbero nascondere “impegni” a vostro carico che poi sareste costretti ad onorare vostro malgrado. Quindi leggere sempre bene e capire sempre tutto in ogni parte – ma prima – i documenti che vi si chiede di firmare e nel caso non risulti possibile evitare la firma preventiva al contratto , farsi rilasciare sempre una copia del documento firmato. In ogni caso c’è da considerare che il d.lgs. n.21 del 21 febbraio 2014 , in attuazione della cd. “direttiva sui diritti dei consumatori” ha allungato il termine per recedere dai contratti firmati fuori dai locali commerciali da 10 giorni lavorativi a 14 giorni solari.

MATERIALE CERTIFICATO: Il mercato dei pannelli fotovoltaici (ed Inverter) come noto, negli ultimi 10 anni ha avuto un’evoluzione parabolica. E, come in tutti gli altri campi commerciali, purtroppo possono essere presenti contraffazioni ovvero materiali scadenti venduti per buoni con l’incanto del prezzo basso. Anche qui la rete ci può essere di aiuto ma anche l’interpretazione del il comportamento della Società che intende venderci il prodotto. La fretta di concludere il contratto, sconti che scadono a breve, scarsi dati sui materiali da vendere e sulla Società stessa, potrebbero nascondere intenzioni non particolarmente buone. Ad esempio è importante che oltre alle referenze sulla fabbrica del prodotto, venga esibito il Certificato di Garanzia del prodotto: leggendolo si può comprendere abbastanza facilmente se il prodotto è certificato e da chi. Garanzie farraginose , poco comprensibili, in genere possono nascondere materiali scadenti. La Garanzia semplice e di facile lettura aiuta nella comprensione della bontà dei materiali. Ad esempio mantenere i termini di garanzia per 25 anni sia sul prodotto che sulla produzione ed indicare in chiaro le cose da fare ed a chi in breve rivolgersi in caso di necessità, di norma significa che il prodotto è valido e certificato. Infatti, la chiarezza della garanzia e gli impegni di sostituzione dei materiali eventualmente difettosi senza spese per il cliente, significa che l’azienda è sicura del prodotto che vende e che i dati storici sull’indice di difettosità dello stesso risultano al di sotto della necessità di rilievo.

ASSISTENZA POST INSTALLAZIONE: L’assistenza tecnica e gestionale post installazione compresa nel prezzo d’offerta e senza spese aggiuntive, in genere può contraddistinguere la Società venditrice e nella maggioranza dei casi è sempre indice di bontà del prodotto. La Società infatti con assistenza post installazione compresa in offerta è interessata a mettere in luce le qualità del prodotto durante l’uso. E’ certa delle qualità di eccellenza del prodotto stesso e non teme reclami durante l’uso del prodotto venduto. Quindi è certamente indice di buone intenzioni e di vendita di un prodotto qualificato.

Perché scegliere noi: L’azienda Sopim Premier Sunpower, non chiede firme prima dell’accettazione dell’offerta definitiva, segue il cliente con attenzione e disponibilità nelle fasi preventive e post acquisto impianto fotovoltaico; La struttura di vendita non dimostra fretta di concludere, accompagna il cliente nella scelta ma anche nella riflessione sulla migliore cosa da fare. Il Certificato di Garanzia del prodotto SunPower , è semplice chiaro ed imbattibile: 25 anni sul prodotto, 25 anni sulla produttività, in caso di difetti sostituzione del pannello, smontaggio e rimontaggio prove e taratura senza nessuna spesa; Assistenza gestionale post installazione per il periodo di un anno post attivazione con statistiche di funzionamento per calibratura gestionale; assistenza tecnica per guasto pannello fotovoltaico per un periodo di 25 anni dall’attivazione dell’impianto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi