Efficienza Energetica

Efficienza energetica Sopim energia solare.

SOPIM ENERGIA

Più efficienza = Meno sprechi = Meno consumi = Meno Spese!
//www.sopimenergia.it/wp-content/uploads/2018/04/5d0041_df8b40dc9daf43f7a0eb06737782f4f0.jpg

Efficienza energetica: si può definire l’insieme delle azioni che consentono di ottenere gli stessi risultati
con un minor consumo di energia, grazie a un uso più razionale delle risorse disponibili.
Risparmio in bolletta: rendere la propria abitazione “efficiente” dal punto di vista energetico significa
minore spesa per consumi e meno emissioni di anidride carbonica in atmosfera.
Efficienza Energetica - Principali punti d’intervento in una Unità Abitativa: Involucro (Pareti Esterne di
contenimento dell’abitazione, Soffitto, Solai, Finestrature, porte); Impianti di climatizzazione invernale
estiva( caldaia, Pompa di Calore, Split Sistem) ; Produzione acqua sanitaria( Caldaia con produzione di
acqua calda sanitaria, Pannello solare Termico, Boiler con Pompa di Calore), alimentazione elettrica
generale della casa: Impianto Fotovoltaico ).
PREMESSA : La quantità di energia termica ( o frigorifera nel caso di “freddo”) necessaria per raggiungere
all’interno di un locale una certa temperatura programmata T ( es. 20 °C) dipende principalmente 1) dalla
differenza tra la temperatura esterna e quella interna ; 2) dal “rendimento” della fonte di calore utilizzata
per “generare “calore” 3) dal sistema di distribuzione del calore all’interno del locale stesso; 4) dalla
“capacità” dell’involucro di contenimento ( pareti del locale a contatto con esterno) di “trattenere ”
ovvero disperdere il meno possibile il “calore” che gli viene fornito.
INVOLUCRO DI CONTENIMENTO : Stabilito il principio generale sul quantitativo di energia necessaria,
iniziamo a parlare di “efficienza” . Il calore viene immesso nell’ambiente locale interno dell’abitazione, ma
qual è la capacità di questo locale/ambiente di “trattenere” il calore ( o il freddo ) ricevuto? Se le pareti non
sono ben coibentate è chiaro che le dispersioni ( fuoriuscita di calore dall’interno all’esterno) saranno
molto alte e la ns. fonte di calore ( ad esempio caldaia) dovrà lavorare molto di più perché oltre a dover
superare la differenza di temperatura tra esterno ed interno, dovrà continuamente lavorare per
contrastare anche le fuoriuscite di calore (dispersioni) , purtroppo costanti, che avvengono per la scarsa
coibentazione delle pareti con l’esterno. Quindi coibentare le pareti ( ( spesso si sente parlare di cappotto
termico) significa rendere più efficiente l’ambiente e quindi ottenere lo stesso risultato prefissato ( es. 19°C
interni) utilizzando molto meno energia ( meno dispersioni con esterno = la caldaia lavora meno = meno
consumi = meno spese ). Finestrature e porte interne- Attenzione anche alle Finestrature del locale che
spesso costituiscono una superficie a contatto con l’esterno abbastanza significativa rispetto alla superficie
del locale stesso ( esempio saloni con grandi finestrature ) oppure verande a contatto diretto con
l’ambiente interno ed esterno. Anche le Finestrature sono importanti: debbono essere di buona fattura per
non creare dispersioni continue con l’esterno e quindi ridurre il così detto, effetto ponte della finestra
(passaggio di calore da interno ad esterno). Da diversi anni è stato realizzato un profilo dell’infisso
comunemente denominato a taglio termico con doppio vetro camera , proprio perché la conducibilità
termica e il rispettivo flusso di calore verso l’esterno vengono interrotti, praticamente “tagliati” dalla
specificità del profilo dell’infisso. Inoltre, per migliorare la tenuta del calore in casa, non si debbono
trascurare le rampe di scale tra due piani: è bene avere sempre una porta (porta interpiano) all’inizio del

piano ovvero una porta anche alla fine del piano. La porta interpiano oltre all’acustica, interrompe il flusso
di aria che in genere si crea tra un ambiente ed un altro di piani diversi. Negli impianti attuali poi dove è
molto usato il termostato di zona, (per scaldare un ambiente di più ed un altro di meno ) la porta
interpiano è molto importante perché consente ad esempio di scaldare la sala hobby impedendo che il
“calore” se ne vada tranquillamente al piano superiore che in quel momento non è utilizzato e quindi non
ha bisogno di essere scaldato. Tetto e solai – Inoltre, la buona coibentazione dell’involucro della casa non
deve assolutamente trascurare anche la verifica di isolamento del Tetto e dei Solai specie per quest’ultimi
se solaio del piano terra direttamente a contatto con il terreno. La materia è specialistica è deve essere
affrontata con l’ausilio di un Professionista esperto per poter fare solo interventi mirati e contenere le
spese solo a quelle effettivamente necessarie.
FONTE DI CALORE: Di solito è la Caldaia a gas che costituisce la fonte di calore primaria dell’abitazione e
non solo per scaldare gli ambienti ma anche per produrre l’acqua calda sanitaria. Infatti, negli anni passati,
la caldaia murale ( caldaia convenzionale) è stata sempre più perfezionata dalle case costruttrici per
migliorarne il rendimento (rendere più efficiente la caldaia con meno perdite di calore rispetto a quello
rilasciato direttamente in ambiente) sino ad arrivare alla caldaia a “condensazione” oramai ben conosciuta
nel settore. Una caldaia a condensazione è una caldaia ad acqua calda nella quale si ha la condensazione
del vapore acqueo dei fumi di scarico. In questo modo si ha il recupero del calore latente di condensazione
e di conseguenza maggiore efficienza energetica rispetto ad una caldaia tradizionale. Inoltre, in tempi più
recenti, a seguito di normative tecniche e leggi nazionali che hanno limitato moltissimo l’uso sia delle
caldaie convenzionali che delle caldaie a condensazione, la ricerca tecnologica delle case costruttrici per
migliorare l’efficienza energetica ha prodotto la Pompa di Calore. La pompa di calore (o termopompa) è
una macchina termica in grado di trasferire energia termica da una sorgente a temperatura più bassa
(ambiente esterno) a una sorgente a temperatura più alta (interno) , utilizzando differenti forme di energia,
generalmente meccanica con alimentazione elettrica. In inverno la pompa di calore scalda gli ambienti
prelevando energia termica dall’ aria esterna ( più diffuse) , ovvero dalla terra o dall’acqua (meno diffuse).
In estate, grazie all'inversione del ciclo della Pompa di Calore, questa espelle il calore degli ambienti
dall’interno all'esterno e quindi riesce anche a raffreddare gli ambienti. In pratica, con un unico impianto
si può gestire riscaldamento e raffrescamento inoltre, con un boiler a corredo oppure con un pannello
solare termico, produrre anche acqua calda sanitaria, nonché ridurre le emissioni inquinanti, e beneficiare
delle detrazioni fiscali previste per legge. L’aspetto significativo è la resa della Pompa di calore che è
espressa dal coefficiente di prestazione, "COP", rapporto tra energia resa (calore fornito alla sorgente di
interesse) ed energia consumata (di solito elettrica, richiesta ad esempio, dal compressore), usualmente
indicato in fisica tecnica come coefficiente di effetto utile. Un valore del COP (coefficient of performance)
pari a 3 indica che per 1 kWh di energia elettrica consumata per il lavoro meccanico, la pompa di calore
movimenta calore pari a 3 kWh da o verso la sorgente di interesse. Quindi, l’utilizzo della Pompa di Calore
aumenta di molto l’efficienza dell’impianto in quanto rispetto all’energia consumata per il suo
funzionamento ha una resa termica all’ambiente ben maggiore.
SISTEMA DI DISTRIBUZIONE: è il sistema con il quale il calore/freddo prodotto dalla macchina termica
scelta ( caldaia, Pompa calore etc. ) viene distribuito in ambiente ( comunemente chiamato impianto di
distribuzione). Molte possono essere le “dispersioni” del sistema di distribuzione se questo non è ben
coibentato ed inoltre se ha dei percorsi troppo lunghi prima di arrivare all’elemento scaldante ( ad esempio
termosifone). La tecnologia di settore, per ottimizzare il rendimento complessivo di impianto ha oramai
abbinato alle Pompe di Calore, l’impianto di riscaldamento a pavimento ovvero l’impianto radiante a
pavimento che è un sistema che permette il riscaldamento degli ambienti o il raffreddamento degli stessi,
tramite l'irraggiamento del calore dal pavimento all’ambiente: praticamente sono stati eliminati i

termosifoni . Gli elementi radianti sono costituiti da kit tubi in materiale resistente alle alte temperature ed
al calpestio, vengono inseriti sotto il pavimento, ma anche se necessario, nella parete o nel soffitto, a
seconda delle esigenze specifiche. In tal modo l’impianto di distribuzione praticamente non si vede ( non ci
sono più i termosifoni) a tutto vantaggio dell’estetica e possibile miglior sfruttamento degli spazi. La
trasmissione del calore avviene principalmente per irraggiamento e non per convezione (come nel caso dei
termosifoni). In questo modo si evitano perdite di calore, spostamenti d’aria e di polveri e il calore viene
diffuso in modo più uniforme. Inoltre il calore prodotto si “sente” prima perché il caldo viene dal basso e
colpisce subito ed in modo uniforme il nostro corpo. Un impianto di riscaldamento o raffrescamento a
pavimento, funziona a basse temperature ed abbinato alla pompa di calore, ottiene un notevole risparmio
energetico ( minori consumi ) perché tutto l’impianto ( fonte di calore e sistema di distribuzione) è
particolarmente efficiente.
ALIMENTAZIONE ELETTRICA GENERALE DELLA CASA – IMPIANTO FOTOVOLTAICO : Abbiamo parlato di
come rendere l’abitazione ( e gli impianti) più efficiente per avere meno consumi e quindi minori spese.
Parliamo ora del sistema di alimentazione elettrica dell’abitazione ( rete nazionale) che solo in
abbinamento ad un impianto fotovoltaico rende oramai le abitazioni autonome ed efficienti anche dal
punto di vista energetico. Infatti nelle nuove abitazioni ( ma anche nelle ristrutturazioni delle abitazioni
esistenti), per legge ( sul risparmio di energia ed efficienza energetica) è prevista l’installazione di un
impianto fotovoltaico. I pannelli fotovoltaici SunPower trasformano con alta efficienza certificata e
riconosciuta dai laboratori di settore i raggi del sole in autoproduzione di energia elettrica consentendo di
ridurre al minimo l’uso del contatore elettrico e quindi le spese connesse. Inoltre, con l’energia prodotta
dall’impianto fotovoltaico a disposizione viene favorito l’utilizzo del sistema “casa elettrica”: Riscaldamento
e condizionamento con Pompa di calore ed impianto a pavimento oppure solo caldo ed abbinamento a
condizionatori split sistem a parete o pavimento per il raffreddamento estivo , sistemi di cottura ed altri
elettrodomestici tutti ad energia elettrica. A questo punto, utilizzate l’abitazione secondo le vostre migliori
necessità e confort l’IMPIANTO FOTOVOLTAICO SUNPOWER pensa al resto ed inoltre vi consente di
beneficiare delle detrazioni fiscali previste per legge.

//www.sopimenergia.it/wp-content/uploads/2018/04/5d0041_14e1c77f3bbd45b1a4e73fde5a8077b1.jpg

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi